, potremo indicare il suo modulo come A tal proposito basta ricordare che un vettore ha sempre tre caratteristiche: il modulo (che corrisponde al valore numerico), la direzione (data dalla retta … Esempio. In questa grandezza è presente l'intensità scalare (100 km/h), la … Un semplice esempio di grandezza vettoriale è la velocità. In fisica, una grandezza vettoriale (o grandezza fisica vettoriale) è una grandezza fisica caratterizzata da una direzione, un verso e una intensità, descritta quindi da un vettore, in contrapposizione ad una grandezza scalare, che è caratterizzata solamente dall'intensità, un unico numero chiamato scalare. Definizione di grandezza fisica La definizione di grandezza fisica è interamente collegata alla possibilità di misurare la grandezza stessa. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 4 lug 2020 alle 00:49. La soluzione la trovi qui: esercizio sulla scomposizione di un vettore. Altri esempi di grandezze vettoriali sono: grandezza fisica che viene descritta da un vettore, Il contenuto è disponibile in base alla licenza, Dalla mela di Newton al bosone di Higgs 1 + 2, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Grandezza_vettoriale&oldid=114103202, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Una grandezza vettoriale è descritta da un numero scalare reale detto intensità (o modulo), una direzione e un verso. Mentre la distanza tra due punti o la lunghezza di un oggetto è completamente definita da un numero e dalla sua unità di misura, una grandezza come lo spostamento ha bisogno di ulteriori informazioni. per fartela semplice vewttoriale è tutto quello a cui puoi dare una direzione. Le grandezze vettoriali si compongono secondo la regola del parallelogramma (→ vettore). Un vettore si indica con una lettera sormontata da una freccia: , , oppure utilizzando gli estremi del segmento , in cui A è il punto di applicazione. Altri esempi di grandezze vettoriali sono la velocità, lo spostamento, ecc… Le grandezze vettoriali si indicano con una freccia sopra la … Pensate alla massa ad esempio "Può avere un verso o una direzione?" Ha senso calcolarla in un moto vario perché ti può essere utile per trovare il modulo dell'accelerazione tangenziale P.S: Almeno nei libri di fisica I, quando non è specificato se ci si riferisce a una velocità scalare o vettoriale, implicita mente si intende vettoriale; se non è specificato se si parla di una velocità media o di una istantanea, si intende una velocità istantanea. esercizio sulla scomposizione di un vettore, differenza tra grandezze scalari e grandezze vettoriali. La questione non è facile.   o In ciascun caso è presente un numero e un'unità di misura. Trovare le componenti del suo spostamento quando avrà percorso 215 km. Il mio consiglio per riconoscere una grandezza vettoriale da una scalare è chiedersi sempre "Può avere un verso? Le operazioni consentite tra vettori sono la somma vettoriale, determinabile tramite il metodo punta coda, la differenza tra due vettori, sempre applicando lo stesso metodo; vi sono inoltre due tipi di prodotti e di rapporti. La direzione è il fascio improprio di rette a cui appartiene quella lungo cui agisce la grandezza in oggetto. Il verso è quello tra i due sensi di percorrenza di tale retta in cui agisce la grandezza. Come possiamo notare in figura, il vettore risulta inclinato di un angolo α rispetto all’orizzontale e per questo motivo i moduli delle due componenti x e y risultano per ragioni di trigonometria: Applicando il teorema di Pitagora vale la relazione: Oltre alle grandezze vettorili esistono anche le grandezze scalari; queste ultime sono grandezze che possono essere descritte soltanto con un numero. F Il vettore risulta quindi opposto a . c) eseguendo una somma di grandezze scalari o vettoriali. {\displaystyle \left\vert {\vec {F}}\right\vert } Il valore di tale forza dipende dal corpo che crea l'attrazione gravitazionale. Ogni grandezza vettoriale è rappresentata da un vettore; a sua volta ogni vettore è individuato da un punto di applicazione in cui la grandezza vettoriale ha origine ed è tracciato come una freccia orientata avente lunghezza pari al suo modulo. Per indicare il modulo della grandezza, si usa la lettera senza freccia o tra due lineette verticali. D'altra parte, la quantità vettoriale implica la quantità fisica che comprende sia la grandezza che la direzione.. La fisica è una scienza basata sulla matematica. b) eseguendo una somma vettoriale di grandezze vettoriali. O una direzione?" Per la seconda domanda: non credo che sia ben posta, cos'è esattamente la "forza causata per l'aumento di temperatura in un volume"?  . D'altra parte il lavoro è definito matematicamente dal prodotto scalare tra i due vettori forza e spostamento e, dall'algebra vettoriale, si sa che il risultato di questa operazione è una quantità scalare. Esempio 1 Il vento soffia a 100km/h in direzione nord-sud verso sud. Prendiamo ad esempio il caso della Forza che è una grandezza vettoriale risultante dal prodotto di una massa (grandezza scalare) per un'accelerazione (grandezza vettoriale). Mentre studiamo fisica, passiamo attraverso una serie di concetti e nozioni, che si basano sulla matematica. Essa è una grandezza scalare la cui unità di misura è il J/s (joule su secondi), unità che per comodità viene denominata watt (simbolo W). Il lavoro è, invece, completamente definito dalla sua intensità e, pertanto, è una grandezza scalare. Di una grandezza vettoriale, quale per esempio la velocità, la forza ecc., si stabiliscono il valore assoluto, la direzione e il verso. Le grandezze vettoriali sono tutte e sole le grandezze fisicherappresentabili mediante un vettore. Traslando il vettore nello spazio (senza cambiare orientamento) questo avrà lo stesso significato fisico. Ma non è così! Qual è la differenza tra le grandezze scalari e le grandezze vettoriali? La pressione è una grandezza scalare in quanto dipende unicamente dalla posizione del punto in cui si vuole misurare la pressione. La Forza peso è una grandezza vettoriale; la sua unità di misura è il Kilogrammo forza (Kgf) o Newton (N). In generale, posto un vettore nel piano e scelto un opportuno sistema di riferimento cartesiano, si possono individuare le due componenti x e y del vettore; si indicheranno con e le due proiezioni del segmento orientato lungo i due assi. Va notato che con la … Due vettori che hanno lo stesso modulo, direzione e verso sono detti equivalentied hanno lo stesso significato. Il punto di applicazione individua un punto particolare su una particolare retta del fascio dove la grandezza agisce. Si definisce modulo di un vettore e si indica con |a| la misura del vettore stesso. Di un missile appena lanciato, si conoscono: spostamento, velocità, accelerazione, temperatura. d) eseguendo qualunque tipo di operazione . Play this game to review Physics. Per altre grandezze, come la temperatura o il volume, non ha senso parlare di direzione di applicazione, e l’unica grandezza che le caratterizza è un numero: tali grandezze sono dette scalari. b) l’intensità e l’unità di misura. Ad esempio: una velocità |v| di 5 m/s, accelerazione |a| di 9,8 m/s2, una forza |F| di 6 N. Il modulo corrisponde con la lunghezza del vettore. 7. Sono grandezze scalari 3 metri, 2 ore, 4 chilogrammi, 11 chilometri, ecc. Ad esempio, sono grandezze vettoriali la velocità, l'accelerazione e la forza, ossia tutte quelle grandezze in cui non è sufficiente esprimere un valore numerico per descrivere la grandezza considerata, ma è necessario specificare anche una direzione e un verso. Il simbolo delle grandezze vettoriali è una lettera sormontata da una freccia; la lettera solitamente corrisponde all'iniziale del nome della grandezza vettoriale che viene rappresentata. E' facile capire che percorrendo 600 km da Roma in linea retta ci si può trovare in qualsiasi punto di una circonferenza di centro Roma e raggio 600 km. Il flusso dunque è una grandezza scalare in quanto risultato di un prodotto scalare tra due vettori. informazioni meteorologiche sul tipo, la grandezza relativa, il luogo e il momento in cui si è verificata l’avversità atmosferica assimilabile a una calamità naturale o la calamità naturale di cui rispettivamente alle sezioni 1.2.1.1 e 1.2.1.2. Grandezza vettoriale. {\displaystyle F} Infatti affermare che un corpo "ha una velocità di 1 m/s" non è sufficiente a definire in modo completo la grandezza vettoriale "velocità" di tale corpo, poiché occorre anche specificarne la direzione (ad esempio nord-sud) ed il verso (ad esempio verso sud)[3]. Il verso rappresenta invece l’orientazione del vettore lungo la sua retta direzione: ad esempio per un vettore giacente lungo l’asse x il verso sarà rivolto o verso destra o verso sinistra. Per spazio vettoriale possiamo assumere un spazio carte… {\displaystyle {\vec {F}}} (Questa è la principale differenza tra un vettore che rappresenta una grandezza fisica e un vettore come ente matematico). Quali sono alcuni esempi di grandezze scalari? Per esempio, considerata la forza non la determiniamo completamente. In fisica capita spesso di dover dividere o moltiplicare grandezze vettoriali e scalari: in tal caso, il rapporto o il prodotto delle due grandezze è sempre un vettore. Ciao curie88, la pressione non è assolutamente una grandezza vettoriale, infatti, se guardi bene, è definita come il modulo della forza agente perpendicolarmente alla superficie in questione, il che la rende una grandezza scalare. Il dubbio se la pressione sia una grandezza scalare o una grandezza vettoriale, nasce dal fatto che nella definizione di pressione si parla di forza che, come è noto, è una grandezza vettoriale; pertanto, verrebbe da pensare che la pressione sia anch'essa una grandezza vettoriale. grandezza che non può essere pienamente descritta da una sola quantità numerica, ma da un insieme di valori. La direzione di un vettore è la retta su cui esso giace: ad esempio un vettore giacente lungo l’asse x, un vettore lungo la retta inclinata di 45° rispetto all’orizzontale, etc. 0 replies since 10/9/2014, 18:57 655 views F non è rilevante o è univocamente determinata. In particolare il prodotto di un vettore per uno scalare m corrisponde ad un vettore che ha stessa direzione e verso di (verso opposto solo se m < 0) e modulo pari a |a| ∙ m. Allo stesso modo il rapporto tra un vettore ed uno scalare m è ancora un vettore con stessa e direzione e verso di quello originario ma modulo pari a |a|/m. In fisica alcune grandezze sono individuate oltre che dal valore numerico anche da direzione e verso. Quali sono alcuni esempi di grandezze vettoriali? Il volume di un corpo è una grandezza scalare perché è completamente determinata dalla sua ampiezza ( un certo numero di litri, m3, cm3, ecc.) Esiste infatti la possibilità di moltiplicare o dividere un vettore per un numero (scalare). Per definire univocamente una grandezza scalare è quindi sufficiente indicare un valore numerico accompagnato dalla relativa unità di misura (la lunghezza di un intervallo di tempo è pari a 5 secondi, la temperatura di una stanza è di 20 °C ecc.). In una grandezza vettoriale le componenti sono: a) due vettori che hanno per somma vettoriale proprio il vettore dato. → La velocità di una particella in movimento è una grandezza vettoriale perché se indichiamo la sua ampiezza (un certo numero in km/h, m/s, ecc.) Grandezza Fisica quantità tale per cui si possa eseguire su di essa una misura, cioè un’operazione che esprima il rapporto tra la quantità in esame ed un campione, ad esso omogeneo, scelto come unità. Per rappresentare una grandezza vettoriale occorre utilizzare un simbolo che permetta di indicare anche la direzione ed il verso. In inglese questi due concetti hanno due nomi diversi: speed per la grandezza scalare e velocity per quella vettoriale. La pressione è una grandezza scalare o vettoriale? In particolare il prodotto scalare restituisce un numero scalare mentre il risultato di un prodotto vettoriale è ancora un vettore. Un vettore è definito come parte di uno spazio vettoriale. In fisica, una grandezza vettoriale (o grandezza fisica vettoriale) è una grandezza fisica caratterizzata da una direzione, un verso e una intensità, descritta quindi da un vettore, in contrapposizione ad una grandezza scalare, che è caratterizzata solamente dall'intensità, un unico numero chiamato scalare. | Inoltre, la descrizione di una grandezza vettoriale può essere completata, quando necessario, specificando il suo punto di applicazione[1]. In fisica, una grandezza scalare è una grandezza che viene descritta unicamente, dal punto di vista matematico, da un numero reale, detto anch'esso scalare, spesso associato a un'unità di misura.A differenza delle grandezze vettoriali, non è pertanto sensibile alle dimensioni dello spazio, né al particolare sistema di riferimento o di coordinate utilizzato. La forza è una grandezza vettoriale e per essere definita è necessario precisare: l’intensità o modulo (il numero con l’unità di misura); la direzione e il verso (vedi figura 5.1). Il prodotto di due vettori può essere invece di tipo scalare o vettoriale (si parlerà quindi di prodotto scalare e di prodotto vettoriale). Il modulo (o intensità o norma) della grandezza vettoriale è il suo valore o misura, mentre la direzione è il suo orientamento nello spazio (ovvero la retta orientata lungo cui la grandezza giace o agisce) e il verso è il senso di percorrenza di tale direzione (tra i due possibili sensi della retta orientata)[1]. 19 Il campo elettrico La mappa in figura è la rappresentazione di un campo scalare: un campo di temperatura. Il fatto che poi essa agisca perpendicolarmente alla sezione considerata è un'altra cosa. Si tratta di un segmento orientato, dove il termine orientato significa che si è stabilito qual è il primo estremo e qual è il secondo. [2] Esempi di grandezze vettoriali sono: forza, spostamento, velocità, accelerazione. -volume scalare-peso vettoriale (è una forza)-intervallo di tempo scalare-carica elettrica scalare (non ha direzione e verso, genera però campi vettoriali e scalari) 4 1. senzaRitegno. Si definisce una grandezza fisica scalare una grandezza fisica che per essere espressa ha bisogno solo della sua unità di misura e del suo valore numerico. 2019; La quantità scalare si riferisce alla quantità, che ha solo grandezza e nessuna direzione. b) due vettori, sempre perpendicolari fra loro, in cui può essere scomposto il vettore dato ... Una grandezza scalare è definita mediante: a) l’intensità e la direzione. Esempi di grandezze vettoriali sono lo spostamento, la velocità, l’accelerazione, la forza, ecc. → 1 decennio fa. La risultante è il vettore che si ottiene: a) eseguendo una somma vettoriale di grandezze scalari. Tali vettori hanno infatti stesso modulo e direzione ma versi opposti. "NO, quindi è automaticamente una grandezza scalare." F Questo strumento si chiama vettore. E' indipendente, a parità di orientamento della … •Modulo o intensità, è il valore della grandezza secondo una determinata unità di misura Una grandezza vettoriale è quindi determinata, rispetto ad una data unità di misura, da un vettore, mentre una grandezza scalare è determinata, rispetto a una data unità, da un numero (la sua misura). L'autore ha 7.944 risposte e 4,7 Mln visualizzazioni della risposta. Quale delle grandezze elencate è una grandezza scalare ? A differenza delle grandezze vettoriali una grandezza scalare non necessita di altri elementi per essere individuata. A ogni punto dello spazio rappresentato è associato il valore di una grandezza scalare, la temperatura In un campo vettoriale, a ogni punto è associato un vettore 20. Il valore del flusso allora sarà pari a: Il valore del flusso allora sarà pari a: Cioè il flusso del campo elettrico attraverso una superficie piana è dato dal prodotto dell’intensità del campo elettrico per l’area … Un vettore si indica con una lettera sormontata da una freccia: , , oppure utilizzando gli estremi del segmento , in cui A è il punto di applicazione. Un aeroplano si sta muovendo lungo una direzione di 22° Nord – Est. In fisica, una grandezza vettoriale è una grandezza che è descritta dal punto di vista matematico da un vettore e rappresentata come un segmento orientato. In fisica, una grandezza scalare è una grandezza che viene descritta unicamente, dal punto di vista matematico, da un numero reale, detto anch'esso scalare, spesso associato a un'unità di misura.A differenza delle grandezze vettoriali, non è pertanto sensibile alle dimensioni dello spazio, né al particolare sistema di riferimento o di coordinate utilizzato. Quando una grandezza vettoriale è applicata ad un punto di un corpo o dello spazio, si deve anche indicare il suo punto di applicazione. Inoltre, la descrizione di una grandezza vettoriale può essere completata, quando necessario, … |