Altro cadavere sulla Concordia, sei le vittime ... ISOLA DEL GIGLIO - Il naufragio della Concordia è stato provocato da un "errore umano", e "le procedure non sono state rispettate". Costa Concordia: morti al buio, mentre la nave si rovesciava. 31 Maggio 2016. Kevin Rebello ha perso il fratello Russel, che sulla nave lavorava come cameriere. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 00980500045 Capitale sociale € 2.050.412,00 i.v. Goverland Italia in ricordo delle vittime della tragedia del Concordia della Costa Crocere. Quelle 32 vittime da non dimenticare 17/09/2013 A seguire le operazioni di recupero della Concordia ci sono anche Kevin Rebello ed Elio Vincenzi che nel naufragio hanno perso rispettivamente il fratello, Russel, e la moglie, Maria Grazia. L’amministrazione statale tedesca ha dato disposizioni per rintracciare eventuali eredi, ma finora non ci sono stati risultati e anche un legale italiano è stato incaricato di seguire la questione in Italia. Probabilmente a Kevin Rebello e alla famiglia Trecarichi le metafore ottimistiche e cariche di speranza di questi giorni non porteranno nessuna consolazione. Alle 13 posa della corona di fiori a Punta Gabbianara. Dopo l’inizio delle operazioni ha sospirato: «Oggi sono più confuso degli altri giorni». ISOLA DEL GIGLIO — Domenica 13 gennaio, anniversario del naufragio della Costa Concordia, avvenuto il 13 gennaio 2012, l'Isola del Giglio ricorderà le 32 vittime con una messa (alle 12 nella chiesa dei santi Lorenzo e Mamiliano di Giglio Porto). Cod. Da quest’anno il Comune del Giglio, con atto ufficiale, istituirà la “Giornata delle vittime della Costa Concordia” perché il tempo non cancelli la memoria. La crociera prevedeva che la nave, dopo la partenza da Savona, facesse scalo nei porti di Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Cagliari, Palermo e Civitavecchia, per poi far ritorno a Savona . Per questo sono arrivati lunedì mattina al Giglio, l’isola maledetta, e hanno atteso pazienti le lunghe e complesse operazioni di recupero del relitto. Davanti al relitto, fiori in mare a ricordare le trentadue vittime. Le vittime della Concordia: "De Falco sfrutta la tragedia" I parenti dei morti nel naufragio amareggiati per la corsa al Senato dell'ufficiale. Isola del Giglio, la giornata di commemorazione nella maledetta notte del 13 gennaio Periodici San Paolo S.r.l. Nella giornata del ricordo, un piccolo malore le ha impedito di portare i fiori fino al relitto, ormai da un anno "spiaggiato" davanti all'Isola del Giglio. Domenica di commemorazioni al Giglio, a un anno dal naufragio della Costa Concordia. Ma non se stesso. La nave salpò dal porto di Civitavecchia alle 18:57 del 13 gennaio 2012, per l'ultima tappa della crociera «Profumo d'agrumi» nel Mar Mediterraneo, con 4 229 persone a bordo (3 216 passeggeri e 1 013 membri dell'equipaggio ). Otto anni fa 32 vittime. Il Questore ringrazia la popolazione gigliese che con il suo intervento la notte della tragedia ha saputo anticipato l’azione dello Stato. Il programma del 13 gennaio ... la cui collisione contro gli scogli causò 32 vittime. Il successo dell'operazione Concordia riscatta l'Italia dalla brutta figura di Schettino? GIGLIO – Anche quest’anno l’Isola del Giglio commemora il nono anniversario del naufragio della Costa Concordia del 13 gennaio del 2012, la cui collisione contro gli scogli causò 32 vittime. Nel sesto anniversario del disastro si sono di riaperte le porte della chiesa che ospitò i naufraghi. ll 13 gennaio è la “Giornata della memoria delle vittime della Concordia”, istituita con voto unanime dal Consiglio comunale. - Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN) Come ieri, la vittima ritrovata è una donna. La famiglia della vittima statunitense ha deciso invece di non fare una transazione con Costa Crociere, ma di rivolgersi alla capogruppo della holding con sede negli States. Le dissero di andare sul lato destro del ponte ma, a causa del «crescente allagamento», fu costretta a lanciarsi in mare ma non sapeva nuotare. del Giglio per ricordare le 32 vittime del naufragio della nave Costa Concordia, avvenuto otto anni. Se quella notte non fossero arrivate spontaneamente le barche dei gigliesi probabilmente i morti sarebbero stati di più”. Le vittime della Costa Concordia Trentadue le vittime di quella notte del 13 gennaio 2012, quando la Costa Concordia naufragò sulle coste dell'Isola del Giglio. Inoltre, sempre secondo gli atti della compagnia, risulta che dei 1.023 membri dell’equipaggio hanno transato la loro posizione in 964, per un ammontare totale di 17.421.203 euro di risarcimento danni per le vittime. Tweet. La moglie superstite ha raccontato che, siccome non c’era posto sulle scialuppe, furono costretti a tuffarsi in mare, dove però perse di vista il marito. La nave si trova ancora nel punto dove lo scorso 13 gennaio persero la vita 32 persone, due delle quali riminesi. Fra le 32 vittime di quella notte c'era anche Maria D’Introno, la giovane coratina che si trovava a bordo della nave per festeggiare i … L'isola del Giglio ricorda il naufragio della Concordia. 6 Riviste San Paolo in Digitale - Abbonamento Mensile, Gazzetta d'Alba Digitale - Abbonamento Mensile, Gazzetta d'Alba Digitale - Abbonamento Annuale, 6 Riviste San Paolo in Digitale - Abbonamento Annuale, Famiglia Cristiana Digitale - Abbonamento Annuale, Famiglia Cristiana Digitale - Abbonamento Mensile. Il programma del 13 gennaio ... ci sarà una preghiera per le vittime e la benedizione. «All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro?», si chiedeva Foscolo agli albori dell’Ottocento. I superstiti del naufragio hanno raccontato che Russel si prodigò molto quella notte per salvare molti passeggeri. Come Dayana e Williams Arlotti, padre e figlia morti insieme, perché, si legge nelle carte dell’inchiesta, «non avevano trovato posto sulle scialuppe al ponte 4, lato sinistro». L'isola del Giglio ricorda il naufragio della Concordia. Per una passeggera tedesca perché non si trovano eredi, per un francese perché la famiglia sta ancora trattando, per una vittima americana perché i familiari preferiscono fare una causa civile negli Stati Uniti, dove ha sede la holding capogruppo di Costa. Grembiulini a scuola: siete d'accordo o contrari? Sembra che si stiano dunque tirando le fila del risarcimento danni per le vittime di uno dei più grandi disastri della navigazione al mondo. Incidenti stradali: l’evoluzione normativa, Incidenti stradali cosa prevede il Codice della Strada, Incidenti stradali responsabilità e onere, Incidenti stradali quanto tempo ho per agire in giudizio, Incidenti stradali la perizia medico-legale, Incidenti stradali come far valere i propri diritti, Incidenti stradali ecco come far valere i propri diritti – seconda parte, Incidenti stradali chi può chiedere i danni, Incidenti stradali quali e quanti danni si possono chiedere, Incidenti stradali a chi si può fare causa, Incidenti stradali rapporti tra processo penale e processo civile, Incidenti stradali evoluzione normativa e ultime novità, Proposte legislative e ultima giurisprudenza, Risarcimento danni per le vittime della Concordia, Risarcimento danni per pirata della strada, Risarcimento danni a lavoro per condotta illecita, Quale risarcimento danni per rumori molesti, Risarcimento danni per incidente stradale, Come ottenere il risarcimento danni senza constatazione amichevole, Incidente stradale causato da ostacolo sulla carreggiata. 1 di 26. Sono stati «indirizzati da membri dell’equipaggio sul lato destro del medesimo ponte e, mentre stavano attraversando il corridoio all’interno della nave nei pressi dell’atrio ascensori di poppa e del Ristorante Milano, sono caduti nella voragine verificatasi a séguito del definitivo ribaltamento sul fianco destro della nave stessa, precipitando in una zona allagata del medesimo ponte 4» e sono morti «per asfissia da annegamento». Gabriele Grube è morta siccome non trovò posto sulle scialuppe su uno dei ponti sul lato sinistro della nave. Una corona in mare per le vittime della Concordia. Michele Sciancalepore ed Eugenia Scotti raccontano le storie delle vittime della tragedia della Costa Concordia all'Isola del Giglio. L'ira di Schettino: «Speculatore» Siete d'accordo con la tesi di Elsa Fornero? Morì annegata in un locale per zattere dove fu in seguito ritrovata. Copyright © 2013-2017 Periodici San Paolo S.r.l. 2 di 26. Chi merita di vincere Sanremo quest'anno? Per informarsi su quali siano i diritti in Italia a tutela dei passeggeri, consiglio di leggere questo articolo, Scarica Risarcimento danni per le vittime della Concordia in formato PDF. Le vittime della Costa Concordia sono 13: è stato trovato un altro cadavere. Questa cifra comprende i risarcimenti danni alle famiglie dei 5 membri dell’equipaggio morti durante il naufragio, alle quali sono stati riconosciuti complessivamente 6.721.918 euro. 13:38 - "L'asfissia da annegamento è la costante causa di morte riscontrata per tutte le 32 vittime della Costa Concordia". CONCORDIA SULLASECCHIA, MARTEDì 31 MARZO 2020 – Il sindaco di Concordia Luca Prandini nella giornata di martedì 31 marzo ha osservato un minuto di silenzio in Piazza 29 Maggio alle ore 12 ed ha tenuto un berve discorso per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro. Elio Vincenzi è il marito della signora Maria Grazia Trecarichi, che era in crociera con la figlia e un’amica. Siamo di fronte a un nuovo Sessantotto per l'ambiente? Come Giuseppe Girolamo, il musicista pugliese che cedette la possibilità di salvarsi ad altri passeggeri, lasciandogli il suo posto su una scialuppa di salvataggio. Fondatore del sito Assistenza Legale Premium, si occupa in prima persona del dipartimento di responsabilità civile, con l’ambizione di fare diventare Assistenza Legale Premium il primo studio legale on-line in Italia nell’assistenza ai privati. Risulta invece in fase di conclusione, secondo fonti della compagnia Costa, la transazione tra Costa e la famiglia del passeggero francese, Francis Servillo di settantadue anni, il quale si era imbarcato con la moglie a Marsiglia. «Spero che si trovi qualche traccia di mio fratello», ha detto Kevin, «anche solo per avere un posto dove pregarlo e poter dire: l’attesa e l’angoscia sono terminate». Kevin, subito dopo la tragedia, arrivò sull’Isola per assistere alle ricerche del fratello. Storie di eroismo che si mescolano a quelle dei morti. Non c'è l'ha fatta Susy, la madre della piccola Dayana, a salire sul traghetto e andare in mare verso la Concordia. GROSSETO – Rose gialle e arancioni e gerbere gialle e rosa lanciate nel mare antistante il porto del Giglio, in ricordo delle 32 vittime che tre anni fa persero la vita nel naufragio della Costa Concordia. ll 13 gennaio è la “Giornata della memoria delle vittime della Concordia”, istituita con voto unanime dal Consiglio comunale. 3 di 26. Questa somma è comprensiva del risarcimento danni per le vittime riconosciuto ai familiari di 24 passeggeri, dei 27 deceduti, cifra che ammonta a 24.508.373 euro. Con l’amica fu invitata dall’equipaggio a passare dall’interno della nave verso il lato destro della stessa, ma in questo tragitto fu persa di vista. Nella fredda contabilità del disastro loro sono le due vittime i cui corpi mancano ancora all’appello. CONDIVIDI. Costa Concordia: l'inchino, il processo, le vittime: fotostoria di un naufragio. Maria D'Introno era arrivata ad un soffio dalla salvezza, era riuscita a salire su una scialuppa, ma fu costretta a risalire a bordo «perché l'eccessiva inclinazione non consentiva di calare in mare la scialuppa». Così il Comune gigliese ha voluto commemorare quella tragedia. I soccorritori riuscirono a recuperarlo, ma poi il passeggero morì poco dopo. Alla commemorazione anche l'ex capo della protezione civile L’avvocato di Costa Crociere ha fornito al Tribunale documenti contabili comprovanti, secondo quanto afferma il legale, il risarcimento danni della compagnia per circa l’85% delle persone che erano a bordo della nave la sera del naufragio e ai vari enti coinvolti nel disastro del Giglio. Sperano che il relitto restituisca finalmente i corpi … A tre anni dal naufragio del Giglio non si trovano ancora gli eredi della passeggera tedesca, Gabriele Maria Grube, cinquantatreenne di Berlino, la donna risulta essere stata in crociera con un’amica con la quale si era imbarcata a Savona. Aver raddrizzato la nave, che fino a qualche giorno sembrava un gigantesco animale morente, per loro può voler dire un’altra cosa però: riabbracciare i corpi senza vita dei loro familiari, piangerne i resti, dargli una sepoltura dignitosa dopo che oltre un anno fa il mare li ha inghiottiti nel suo ventre come fanno i mostri delle favole con i bimbi cattivi. Costa Concordia, Giani al Giglio: la Regione ricorda le vittime 13 Gennaio 2020 15:53 dalla Regione Isola del Giglio La Toscana non dimentica e si unisce all’Isola del Giglio. Sembra retorica intellettualistica, ma Kevin ed Elio Vincenzi probabilmente risponderebbero di sì. Superstiti e familiari assistono da un traghetto al riposizionamento alle Scole dello scoglio che squarciò la chiglia della nave per 70 metri. 160° anniversario – Commemorate le vittime della Concordia. Voto a 16 anni: i ragazzi sono abbastanza maturi? Uscita dal porto alle 19:18 alla velocità di 15,5 nodi, la nave assunse poi la rotta 302° e una velocità di 16 - Tutti i diritti riservati, Concordia, la notizia fa il giro del mondo. Molti dei parenti delle vittime si trovano lontani e l’Isola si ‘fa carico’ del ricordo. In particolare, dai documenti della compagnia consegnati al tribunale, emerge che, dei 3.206 passeggeri in crociera sulla Costa Concordia venerdì 13 gennaio 2012, sono state transate le posizioni di 2.623 di questi, per un importo totale che ammonta a 66.481.082 euro. Come Erika Fani Soria Molinala, morta «risucchiata verso il fondale dal gorgo prodotto dal definitivo ribaltamento sul fianco destro della nave», «dopo avere tentato di allontanarsi dalla nave a bordo di una zattera ed essere caduta in mare, senza il giubbotto di salvataggio». Risarcimento danni per le vittime della Concordia Costa Crociere ha consegnato ai giudici documenti contabili che dimostrano il pagamento complessivo di un risarcimento danni per le vittime della Concordia di circa 84 milioni di euro, ai passeggeri ed equipaggio per il disastro del 2012 Le 32 vittime della Costa Concordia erano imbarcate insieme ad altre 4.397 persone su una delle navi da crociera più grandi e lussuose. Non con lo sguardo voyeuristico e curioso di chi in questo vede solo una prova senz’altro grandiosa di abilità ingegneristica ma con la speranza di poter continuare a piangere magari davanti a una tomba, in un cimitero normale, portando un mazzo di fiori, i propri cari partiti per divertirsi o per lavorare e mai più tornati. Concorsi truccati nelle forze dell’ordine: 25 avvisi di proroga indagine soprattutto candidati. Nei casi dei tre passeggeri morti che non hanno ancora ricevuto risarcimenti, non ci sono ancor state transazioni per tre motivi differenti. Joe Biden nuovo presidente degli Stati Uniti d'America. Venezia affida le vittime del Covid alla Madonna della Salute Il 21 novembre è la Festa della Madonna della Salute, uno degli appuntamenti più sentiti in Triveneto, in cui si rinnova il voto che nel 1630 il Doge e il Patriarca di Venezia compirono affidando il popolo a Maria per la liberazione dalla peste. Nella Concordia faticosamente messa in piedi molti hanno visto il simbolo di un’Italia che forse ce la farà, che magari ce la può fare. Naufragio della Concordia, l'Isola del Giglio ricorda le 32 vittime La deposizione della corona in memoria delle vittime del naufragio (foto Enzo Russo) Otto anni fa l'impatto contro uno scoglio, poi la tragedia.